E’ un Milan-Lazio spettacolare quello che va in scena il 6 febbraio 2005. A decidere il match sono i gol di Oddo all’11’ della ripresa, su rigore, quindi Shevchenko, al 27′, su punizione, con destro potente e preciso che non da a Peruzzi neanche lo stimolo per tuffarsi.

L’assalto produce la rete di Crespo, al 4′ minuto di recupero oltre il novantesimo: Kakà si libera e scaglia un tiro che sbatte sul palo e l’argentino, in posizione regolare, riesce rocambolescamente a infilare il gol-vittoria.

Il finale è condito da un caloroso scambio di opinioni a distanza tra Ancelotti e Couto.