Ambrosini-Milan Kalinic gol Croazia

[fncvideo id=46781 autoplay=true] Massimo Ambrosini ha parlato a Il Mattino: "Gattuso ha saputo toccare le corde giuste dal punto di vista emotivo e ha dato anche punti di riferimento certi alla squadra, ma il Napoli ha motivazioni da vendere e si è visto contro il Chievo: sono vicini a un sogno e meritano di giocarsela fino alla fine, quei tre minuti saranno fondamentali sul piano psicologico per questo finale, se il Napoli non avesse vinto quella partita sarebbe stata un’ingiustizia. Tra l’altro faceva molto caldo e non era facile tenere ritmi alti, il Napoli c’è anche sul piano fisico. Non credo che lo stimolo di arrivare in Europa per il Milan possa valere tanto quanto quello dello scudetto per il Napoli, inoltre tra le due squadre c’è un gap tecnico evidente: difficile che il Napoli non vinca. Scontro diretto decisivo? Perdere punti contro il Milan o l’Udinese renderebbe vana o quasi la partita contro la Juventus. Musacchio e Zapata sono buoni giocatori, ma non hanno mai giocato insieme e questo può incidere, in particolare contro attaccanti rodati come quelli del Napoli. La squadra partenopea è costruito per vincere giocando bene, se smettesse di ricercare il gioco non vincerebbe più. Poi a volte può capitare di essere meno brillanti, ma la filosofia resta quella: come i giocatori occupano lo spazio al momento giusto e nel modo giusto è straordinario, così come il fatto che ogni portatore di palla abbia due o tre soluzioni di passaggio”. Ma intanto il Milan decide di farne fuori 6: CONTINUA A LEGGERE Seguici anche su: Facebook / Instagram / Twitter

The post Ambrosini: “Musacchio e Zapata sono buoni giocatori, ma non hanno mai giocato insieme e questo può incidere” appeared first on IlMilanista.it - News su Ac Milan e calciomercato in tempo reale.