L’apertura di Carlo Ancelotti: il tecnico vuole un club e la Juventus sembra la principale indiziata in caso di divorzio con Allegri

Da diverse settimane il suo no alla Nazionale è stato interpretato come un indizio sul suo possibile trasferimento alla Juventus in caso di addio di Max Allegri. Carlo Ancelotti parla anche di futuro nell’intervista concessa ai microfoni di Milan TV a pochi giorni dalla finale di Coppa Italia dell’Olimpico tra Juventus e Milan: «La Nazionale sarebbe in ottime mani con Mancini, un ottimo allenatore che ha grande esperienza internazionale. Io personalmente ho scelto di allenare un club, non so ancora se in Italia o all’estero, ma potrei stare anche fermo perché non ci sono troppe possibilità concrete. Ma qualcosa salterà fuori. Tornare in Italia? Non ci sarebbe alcun problema nel tornare…» afferma Ancelotti.

Tradotto: l’ipotesi di un ritorno alla Juventus è fattibile, ma non si è ancora concretizzato nulla evidentemente perché i bianconeri non hanno ancora concordato le mosse future con il proprio tecnico Allegri e si aspetterà solamente la fine ufficiale della stagione. Prosegue, intanto, Ancelotti parlando della finale di Tim Cup di mercoledì sera all’Olimpico di Roma: «In finale tiferò Milan indossando la maglia rossonera, Gattuso sta facendo molto bene e ha dato un’identità alla squadra. Nelle ultime settimane li ho visti in ripresa e Gattuso sa come si fa, ma la Juventus è una squadra complicata da affrontare. Spero che il Milan possa tornare in alto e i tifosi devono stare accanto alla squadra, perché con la passione e gli investimenti si può risalire. Ferguson? Speriamo vada tutto nel migliore dei modi, siamo tutti dispiaciuti perché è una grande persona».


Leggi su Calcionews24.com