Un’altra occasione miseramente cestinata. Anche ad Udine André Silva, a cui Gattuso ha donato l’occasione di partire dal primo minuto, ha deluso. Lento, impacciato e poco lucido negli ultimi sedici metri, fino alla sostituzione con Kalinic nel corso della ripresa. Un bilancio davvero impietoso per il portoghese che, adesso, potrebbe davvero faticare a trovare una nuova chance. Anche se il calendario pare dalla sua parte.

Fitto

Nelle prossime tre settimane, infatti, il Milan avrà praticamente una gara da giocare ogni tre giorni. Da qui al 4 marzo i rossoneri dovranno disputare 4 partite di campionato (SPAL, Samp, Roma ed Inter), la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro la Lazio ed il doppio confronto europeo contro il Ludogorets.

Dubbi

Appare difficile, dunque, ipotizzare che André, nel quale i tifosi rossoneri continuano fermamente a credere, non riesca a ritagliarsi nuovo spazio, nonostante a Ferrara dovrebbe andare in campo uno fra Cutrone e Kalinic. Anzi, proprio la sfida in terra bulgara potrebbe essere l’ennesima possibilità del calciatore ex Porto di dare una svolta alla propria stagione. E chissà che l’atmosfera europea non risvegli l’istinto del bomber del portoghese, attuale capocannoniere della competizione. Lo riporta il Corriere dello Sport.