Li Yonghong avrà a disposizione un’altra settimana per provvedere all’aumento di capitale da 10 milioni di euro, atteso già da alcuni giorni. Il Milan si è espresso sul proprio sito ufficiale, attribuendo la causa a motivazioni di tipo burocratico, sottolineando come la sottoscrizione delle azioni possa essere esercitata entro 15 giorni dalla data di pubblicazione nel Registro delle Imprese dell’Offerta in Opzione. “A causa di un eccessivo prolungamento dei tempi di iscrizione dell’Offerta in Opzione da parte del componente Registro delle Imprese, detta Offerta in Opzione risulta iscritta a far data dal 29 marzo 2018“. Il ritardo dei tempi di iscrizione ha, dunque, scaturito lo slittamento. Il Milan ha comunque ribadito che il denaro arriverà, senza la necessità di ricorrere ad un nuovo prestito.

La strada verso il rifinanziamento del debito col fondo Elliott non è mai stata in discesa e ora, dopo un solo anno dall’acquisto della società Milan, le questioni da risolvere sono molteplici. Diverse volte è stato, inoltre, supposto un cambio di proprietario e una conseguente vendita del club rossonero.