La bellezza di una squadra che fino a un mese fa era tutto tranne che “una squadra”, è mangiarsi le mani per due punti persi per “eccesso di attributi”.