Un giro al pallone, a beffare Meret, come metafora di una svolta da tempo ricercata e forse arrivata: che sia davvero arrivato.