Leonardo Bonucci, difensore del Milan, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Vanity Fair. Queste le sue parole: "Mia moglie? E' molto importante per me. Nei primi tempi bianconeri giocavo poco e stavo per andare allo Zenit San Pietroburgo, mi è stata vicina ed è stata fondamentale. Gli insulti sui social? Leggo quasi tutto, a volte mi sale il veleno dentro e andrei a prenderli a casa... Sono piattaforme pericolose ma anche importanti per far passare messaggi positivi. Nazionale? Contro la Svezia fino all'ultimo pensavamo di farcela ma lo sport a volte riserva delusioni. Ora al calcio italiano servono persone come Tommasi, Maldini, Costacurta. Dopo il ritiro? Voglio provare a fare l'allenatore". Foto: Twitter ufficiale Milan

L'articolo Bonucci: “In passato ero vicino allo Zenit. Insulti sui social? A volte andrei a prenderli a casa…” sembra essere il primo su Alfredo Pedullà.