“È un periodo in cui stiamo facendo bene e siamo tutti felici. Stiamo meglio sia fisicamente sia mentalmente”, così Davide Calabria, terzino del Milan classe ‘96, ha iniziato sua intervista ai microfoni di Sky Sport nel giorno della vigilia del match di Europa League contro il Ludogorets. “Come ho superato l’errore di Udine? Rivedendolo non ci credevo: ho commesso un grossa ingenuità. Il mister e i compagni non mi hanno attribuito nessuna responsabilità. Stavamo facendo una grande partita e l’espulsione ha compromesso il risultato, ma adesso guardiamo avanti e siamo concentrati su questo mese in cui giocheremo ogni tre giorni”.

“Gattuso? Lui è stato un calciatore del Milan e gli viene tutto facile. Dà sempre il cento per cento, come il suo staff, si fa fatica a parlar male di lui perché ci tiene sempre sul pezzo. Ci sono periodi in cui si gioca di più, altri meno ma è normale e non si deve arrabbiare nessuno, soprattutto adesso che stiamo cogliendo risultati positivi. Champions? Il nostro obiettivo è questo, la nostra storia parla chiaro. Vogliamo fare bene e guardare partita dopo partita. Solo così raggiungeremo il traguardo. Punto di svolta? Il derby di Coppa Italia. Quella vittoria ci ha fatto scattare qualcosa e da lì in poi sono arrivati i risultati e le prestazioni positive. Ci ha dato morale per affrontare al meglio le partite successive, ma adesso vogliamo continuare la striscia positiva”.