Il centrocampista del Milan è stato rigenerato dalla cura Gattuso. Grande crescita per Hakan Calhanoglu Rino Gattuso, allenatore del Milan, ha esaltato Hakan Calhanoglu. Il numero 10 del Milan, dal 3 dicembre, ovvero dall'addio di Vincenzo Montella e dall'insediamento di Rino, sembra essere un nuovo calciatore. «Il mister mi ha detto che il mio problema non era fisico ma mentale» ha detto il giocatore turco. Con Gattuso in panchina Hakan ha migliorato sensibilmente i suoi numeri: i dribbling sono passati da 0,33 a partita a 1,17; le occasioni create sono passate da 1,67 a 2,33, i tiri e i passaggi sono aumentati sensibil­mente. Il giocatore inoltre dà una mano in fase difensiva: le palle recuperate sono aumentate, passando da 2,58 a 4,33 mentre i palloni intercettati sono raddoppiati. «Pensavo fosse lento, invece ha una gamba importante - dice Ringio - Posso dire che mi ha sorpreso e sono molto contento perché non cre­devo fosse co­sì completo». Il centrocampista turco sta trovando grande continuità. Ora servirebbe qualche gol, magari su calcio di punizione. Tre i gol realizzati sin qui dal turco (uno in Europa League e due in campionato), nemmeno uno su punizione, una delle sue specialità. Gattuso il rigeneratore spera di vedere di nuovo esultare il suo Hakan: il gol su punizione manca da settembre 2016!
Leggi su Calcionews24.com