Fulvio Collovati, ex difensore di Milan e Inter, ha parlato a gazzetta.it e ha voluto ricordare il suo passaggio da un squadra milanese all’altra: “Mi diedero del traditore, ma in realtà io passai dall’altra sponda del Naviglio soltanto perché giocavo in B di sabato e la domenica spesso andavo in Nazionale. Bearzot mi consigliò di cambiare squadra in quanto questi ritmi erano per me insostenibili. Era tutto fatto con la Fiorentina, poi Mazzola convinse il Milan. A differenza del calcio moderno, una volta il calciatore era di proprietà della società, non si doveva convincere nessun procuratore. Quei 4 anni di Inter furono mervaigliosi, ma rappresentano per me un rimpianto. Eravamo fortissimi e non vincemmo nulla