Il laterale destro rossonero Andrea Conti, che nella scorsa annata, complici gravi problemi fisici, è potuto scendere in campo solo in cinque circostanze, ha parlato ai microfoni di Milan TV: “Questa è un’estate di lavoro, in accordo anche con medici e fisioterapisti, perché è quello che dovevo fare dopo i due brutti infortuni avuti. Ho avuto solo dieci giorni di vacanza, mi ci volevano per staccare un po’, sono contento del lavoro che ho fatto e che sto facendo. La positività è la cosa migliore per affrontare questo periodo, mi piace stare con i compagni e lavorare con loro. L’affetto, a Milanello, non manca e non è mai mancato, dal cuoco al direttore, mi hanno sempre voluto un gran bene. E’ una forza che mi danno per andare avanti nel migliore dei modi”.

Sui primi giorni di ritiro: “I compagni? Li vedo un po’ affaticati, però bene così, perché è benzina che servirà durante l’anno. Con i compagni ho legato con tutti, ci siamo tenuti in contatto anche in vacanza: sono come fratelli per me, mi sembra di conoscerli da tanto. Gattuso? Il mister è sempre in tensione, sembra che voglia scendere lui in campo. Trasmette una carica agonistica impressionante e, per noi, questo è importante. L’affetto dei tifosi? Non posso che ringraziarli, perché mi sono sempre stati vicini. Spero di poter ripagare la loro fiducia sul campo, come son sempre riuscito a fare. Milanello? Stare qui è magnifico, non manca nulla”.