Il Milan continua ad accusare il problema del digiuno dei suoi attaccanti. Dopo la prodezza decisiva di Cutrone in Coppa Italia, si pensava che i rossoneri avessero trovato almeno in lui un bomber capace di assicurare un buon ruolino di marcia. E con le difficoltà ormai croniche di André Silva e Kalinic, servono i gol dagli altri reparti. Ieri, contro il Crotone, ci ha pensato Leonardo Bonucci, al suo primo gol con la maglia rossonera. Pur con una gran dose di fortuna, il capitano si è tolto la soddisfazione della prima marcatura e si è fatto perdonare lo svarione in marcatura di Simeone della scorsa settimana a Firenze.

Come sottolinea il Corriere dello Sport, il merito/colpa va molto al portiere Cordaz, che ha fatto carambolare il pallone addosso al difensore del Milan. Ma tant’è. E i tre punti sono finiti in saccoccia. “La miglior risposta sono i fatti sul campo”, ha spiegato Leo a fine partita. “I primi mesi – ha proseguito – sono in archivio, abbiamo fatto errori, ma da lì dobbiamo partite per una seconda parte di stagione in crescendo”.

E il futuro? Nessun dubbio da parte del diretto interessato: “Ho un contratto col Milan fino al 2022, non vedo il motivo per cui dovrei dar retta a chiacchiere e spifferi”. E dal direttore sprtivo rossonero, Massimiliano Mirabelli, l’ulteriore conferma: “I tifosi possono star tranquilli, i cnti si fanno alla fine”.