In attesa di qualche probabile rinforzo l’acquisto del Milan del 2018 potrebbe essere Calhanoglou. Il turco- riporta ‘Il Corriere dello Sport’- ha faticato molto in questa metà di stagione ad ambientarsi nel campionato italiano, ma contro l’Inter e la Fiorentina ha dato ottimi segnati di ripresa.

TROPPI CAMBIAMENTI- Di sicuro su questo periodo nero dell’ex Leverkusen c’entra sicuramente il cambio di campionato. In Bundesliga non c’è la tanta tattica e il tanto pressing della Serie A. Infatti il numero 10 rossonero è apparso molto lento nelle giocate, mentre in Germania poteva farsi notare di più perchè gli veniva concesso più tempo per pensare e preparare la giocata. Inoltre anche la lunga squalifica da febbraio a maggio (causata per una firma di troppo su un contratto di trasferimento, sia per il Trabzonspor sia per l’Amburgo nel 2012) ha influito sulla sua condizione fisica.

SVOLTA DA INFORTUNATO- Se con Montella il turco sembrava fuori dai piani, con Gattuso c’è stata una svolta. Dal suo arrivo ‘Rino’ è entrato in sintonia dal punto di vista psicologico, facendolo sentire importante anche quando era infortunato. Infatti nel periodo in cui Calhanoglou era pronto per uscire dai box, Gattuso l’ha aiutato a migliorare la sua condizione fisica.

SQUILLO AL FRANCHI- Il numero 10 rossonero, post infortunio, ha assaggiato il campo negli ultimi 15 minuti contro l’Atalanta, in cui era difficile farsi notare in quanto già il Milan era ormai rassegnato per il 2 a 0 incassato. Invece nel derby di coppa contro l’Inter il suo ingresso ha dato tanta qualità, mentre con la Fiorentina si è riconfermato segnando anche il gol del decisivo 1 a 1. Con la rete ai ‘viola’ il turco sale a 3 reti stagionali, ma la curiosità è che le ha realizzate tutte dentro l’area di rigore. Numeri strani perchè la sua specialità è quella di punire gli avversari da fuori, e adesso l’ultimo ostacolo è lavorare su questo punto di vista per diventare l’incubo di tutte le difese avversarie.