Non più il rifinanziamento, ma convincere Elliott a spostare in avanti la scadenza per il rimborso del prestito di 300 milioni, resosi necessario per l’acquisto del Milan lo scorso aprile. E’ questa, secondo Il Corriere dello Sport odierno, la nuova strategia di Marco Fassone, che ne parlerà coi rappresentanti del fondo americano, arrivati in queste ore a Milano.

Il cambio di rotta dell’ad rossonero, si è reso necessario dopo le difficoltà incontrate con Goldman Sachs prima, Merril Lynch poi ed Highbridge infine. La questione resta la stessa: il proprietario del Milan, Yonghong Li non dà sufficienti garanzie economiche a questi fondi per convincerli ad un prestito di circa 400 milioni di euro.

Ecco il motivo del tentativo di allungare il prestito con Elliott, che – qualora dovesse accettare – imporrà evidentemente interessi ancora più alti di quelli attualmente in vigore. Staremo a vedere…