Patrick Cutrone, ieri contro il Rijeka, è stato ancora una volta decisivo per le sorti del Milan di Montella Ormai Cutrone, 19enne di Como, non ha più bisogno di presentazioni: in pianta stabile in prima squadra, dalla pre season fino a queste prime sfide ufficiali ha stupito tutti, andando oltre le più rosee aspettative. Certo gli oltre 130 gol segnati nel settore giovanile del Milan erano un indicazione utile, ma spesso e volentieri i più giovani s'impantanano ai primi assaggi di calcio professionistico. Patrick no: 5 gol e 2 assist in 10 partite tra Serie A ed Europa League. Cutrone si è raccontato ai microfoni di Premium Sport, rivelando come guardi a Vincenzo Montella come un punto di riferimento: «Il mister mi dà tanti consigli, devo dire che mi aiuta tanto. Così come fa con il resto della squadra: è un grande allenatore. E' stato anche un grande attaccante e mi sono rivisto i suoi gol sui social. Sono rimasto colpito dalla sua fame di reti in area di rigore». Poi il discorso si sposta sul presente, a livello individuale e rapportandosi con i compagni di reparto: «Sto osservando molto quello che mi succede in campo, in partita o in allenamento, e sto crescendo. Cosa ruberei a Silva e a Kalinic? Al primo la tecnica, al secondo l'esperienza».
Leggi su Calcionews24.com