Patrick Cutrone salva il Milan in Europa League: «Kalinic e Silva due grandi attaccanti, io penso solo a segnare il più possibile» Il 2-0, la doppia rimonta e poi lui, ancora lui: Patrick Cutrone è partito alla grande in quest'inizio di stagione. Dal conquistarsi qualche minuto è divnetato fondamentale, soprattutto in Europa, dove continua a segnare. Ieri il 3-2 è valso la vittoria al '93 per il Milan contro il Rijeka: «Cosa è successo negli ultimi dieci minuti? Abbiamo semplicemente calato l’attenzione, purtroppo un episodio, e non so se era rigore, perché ero lontano, ci stava condannando, ma abbiamo meritato di vincere questa partita fin dall’inizio, a parte questi 10 minuti di calo d’attenzione. L’importante è stato vincere e dobbiamo continuare su questa strada - ha ribadito il giovane attaccante a Sky Sport -. Fisicamente scarichi? No, il mister, la società, tutti, ci preparano nel miglior modo per le partite e, secondo me, è stato solo un calo d’attenzione». RIVALI NEL RUOLO - Il giovane attaccante non è spaventato dai suoi colleghi di reparto, anzi conta di imparare tanto: «Competizione? André Silva e Kalinic sono due grandissimi attaccanti. Cosa cambia? Non lo so, però ci dovremo aiutare tutti e tre insieme, anche con Suso, che pure lui può fare la punta. Penso che con il tempo riusciremo a giocare tutti e quattro insieme». C'è un obiettivo per questa stagione, nonostante l'inizio splendido: «Fare più gol per aiutare la squadra, poi, penserò a tutto alla fine».
Leggi su Calcionews24.com