Poco fa, a Coverciano, il centravanti rossonero Patrick Cutrone è intervenuto nella sua prima conferenza stampa da giocatore della Nazionale maggiore: “Questa è un’opportunità e cerco di non sprecarla. Non mi sarei immaginato, un anno fa, di essere qui. L’anno scorso ero in Primavera e non immaginavo di arrivare a questo punto. Ho dimostrato sul campo il mio valore e mi sono allenato duramente. I mister mi hanno aiutato molto, da quelli delle giovanili a Montella e Gattuso. Gattuso, nella fattispecie, mi ha trasmesso un po’ del carattere che aveva lui. Ho sempre avuto cattiveria e voglia di far gol. Spero di esordire presto. Ancora non ho fatto niente, i miei genitori mi aiutano e mi fanno stare con i piedi per terra. A loro devo davvero tanto. Se mi sento pronto per diventare una bandiera del Milan? Penso solo al presente. Voglio allenarmi bene e migliorare. Questo è un punto di partenza e voglio fare sempre di più. Aver fatto la trafila delle giovanili, in Nazionale, aiuta tanto, soprattutto perché si assimilano i concetti che sono sempre gli stessi. Messi? Sarà un onore affrontarlo. Rappresenta il calcio”.