Che i meriti siano i poteri divinatori di Conti, ai posteri l'ardua sentenza.