Sette pacchetti principali e nessuna esclusiva assoluta. Non ci sono ancora i prezzi minimi. Le ultimissime sui diritti tv

I diritti tv sono sempre più importanti per le squadre del nostro campionato. Mediapro ha acquisito quelli del triennio del 2018-2021 e ieri sera ha presentato il bando. La società spagnola ha acquisito i diritti del campionato di Serie A dalla Lega per 1 miliardo e 50 milioni e ora reciterà il ruolo di intermediario e naturalmente spera, almeno, di rientrare dalla spesa. Tante le novità proposte da Mediapro. Il bando non presen­ta esclusive assolute: non una vendita per prodotto ma per pacchetto, nessuna esclusiva sui diritti, come ad esempio invocava Sky.

L’offerta consiste in 7 pacchetti principali e 6 opzionali con un unico pacchetto comprendente le 380 partite del campionato per il satellite; per il digitale e per l’IPTV due pacchetti a testa, uno con 8 club che verranno decisi in seguito in base a dei criteri specifici legati anche al bacino d’utenza (dovrebbero essere incluse Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli); uno con il resto: 2 pacchetti per Internet, uno con le 380 gare e uno con gli 8 club di cui sopra. Mediapro vuole un calcio ‘allargato’ e spera di attirare le compagnie telefoniche, rientrando dall’investimento ma le incognite sono tante. C’è riserbo sui prezzi: i costi, depositati da un notaio, restano segreti.


Leggi su Calcionews24.com