Italiano, giovane e made in Milan. Questo il biglietto da visita di Davide Calabria, rivelazione della stagione rossonera. Ad oggi ha collezionato venti presente, realizzando una rete e fornendo ben tre assist. Niente male se consideriamo gli investimenti estivi per portare a Milanello Rodriguez e Conti. Certo, tanto hanno fatto i due infortuni di quest’ultimo, che di fatto hanno contribuito al rilancio di Calabria.

Abbiamo appreso che la costanza è la chiave del successo. Ricevuta la fiducia di mister Gattuso, le sue prestazione hanno registrato un’impennata drastica. Con Conti disponibile, con ogni probabilità, saremmo qui a raccontarvi delle due fasce dominate dal terzino italiano e da Rodriguez. Invece no, a volte il destino fa la sua parte e contribuisce ai successi, ai quali vanno aggiunte qualità, costanza e umiltà. Caratteristiche che di certo non mancano al numero 2 rossonero. Cresciuto nelle giovanili rossonere, Davide è un classe 1996 e sta per concludere la sua terza stagione da professionista in rossonero; arrivò al Milan nel 2006, alla tenera età di otto anni. Ha certamente ancora tanto da imparare, tante esperienze, soprattutto europee, da collezionare. Ma le basi sono molto valide e di fatto possiamo parlare di un definitivo salto di qualità. Cross spesso vincenti, la bellissima rete di Roma, una spinta offensiva sempre efficace, che garantisce un valido scarico ai due esterni d’attacco. La fase difensiva e quella offensiva vengono mixate alla perfezione, con Davide che corre novanta minuti, un guerriero mai arrendevole. Meritevole di lode per le chiusure difensive, puntuali ed efficaci, da vero veterano. Accettabili alcune imprecisioni in fase di impostazione, ma nelle ultime apparizione stiamo osservando il completamento di una crescita. Da aggiungere alla lunga serie di caratteristiche da grande giocatore, non va dimenticata la duttilità: la capacità di garantire una copertura difensiva e uno scarico in attacco sia da destra che da sinistra, risulta tuttavia caratteristica di pochi, oltre che un grande vantaggio. Certamente, la sua fascia è quella di destra, ma spieghiamo il motivo di un possibile adattamento a sinistra. Il prossimo anno il Milan potrebbe proporre una linea difensiva tutta made in Italy, con al centro la coppia fissa Romagnoli-Bonucci, a destra Conti e a sinistra, a completare il quartetto, Calabria. Si parla forse troppo poco di lui, ma Davide Calabria non deluderà le aspettative, a destra o sinistra che sia. Giovane e di prospettiva, umile e mai fuori posto. Non manca nulla per la conferma da pilastro del Milan del futuro.