Fassone e Mirabelli hanno parlato prima della conferenza di presentazione di mister Gattuso In casa Milan oggi è il giorno zero della nuova vita da allenatore di Gennaro Gattuso. Alla conferenza stampa del nuovo tecnico erano presenti anche Fassone e Mirabelli, i quali hanno voluto rilasciare qualche breve dichiarazione. Fassone ha commentato così l'esonero di Montella: «E' stata una decisione sofferta. Abbiamo condiviso un progetto che non siamo riusciti a concludere insieme con Montella e Mirabelli. A Vincenzo non posso che dire grazie per quello che ha fatto. Per aver riportato un trofeo nella nostra bacheca e aver conquistato un posto in Europa League. Non c'è una colpa specifica. E' una pagina chiusa. Abbiamo perso un'opportunità importante per tutti. Ora si apre un nuovo capitolo». Si era vociferato anche di un incrinazione dei rapporti tra i due dirigenti, Fassone smentisce categoricamente e rinnova la sua fiducia al direttore generale: «Ha la mia fiducia. E' stata la mia prima scelta appena ho avuto l'incarico dalla nuova proprietà. Ha la fiducia mia e della società. Ha responsabilità tecniche importanti, tra cui scegliere l'allenatore. Non abbiamo intenzione di andare nuovamente sul mercato a gennaio, perché siamo convinti che questa squadra abbia qualità che possono arrivare a risultati importanti. Nella nostra testa sappiamo cosa c'è che non ha funzionato e siamo convinti che con il giusto tempo le cose che non hanno funzionato saranno risolte». Chiude dando il benvenuto a Gennaro Gattuso per questa nuova avventura: «Benvenuto. Per lui parla la storia. Conosce queste stanze e questo spogliatoio meglio di chiunque altro. In questi mesi ha dimostrato cosa vuol dire essere l'allenatore del Milan nella Primavera. E' stata una scelta voluta, non è un paracadute o un tappabuchi. Mi è piaciuto l'approccio che ha avuto nelle chiachcierate che abbiamo fatto. Mi è piaciuto il suo entusiasmo e la sua umiltà, ponendosi come ha sempre fatto da campione sul campo. E' un nuovo capitolo. E siamo convinti che potrà fare bene. A fine stagione tireremo i conti» Tocca poi a Mirabelli spiegare il motivo per il quale hanno scelto Gattuso e le aspettative che la società ha ora nei confronti della rosa: « Gattuso ha delle caratteristiche per trasmettere il Dna del Milan e ha dei concetti che a me piacciono moltissimo. Alcuni credono che sia inesperto, io penso che potrà darci qualcosa di importante. Tutta la rosa ha reso meno delle aspettative. Abbiamo dato tempo e ora speriamo che Gattuso con la sua voglia, determinazione e competenza riesca tirar fuori il meglio da questa squadra e quelle qualità che tutti noi conosciamo. Ad oggi non abbiamo ancora visto il valore di questa rosa. E' presto per fare bilanci sul mercato. Siamo convinti di avere un'ottima squadra. Abbiamo giocatori bravi, ma giovani. Vogliamo formare un gruppo valido per formare un buon ciclo. Sapevamo che avremmo corso dei rischi e che sarebbe servito del tempo»
Leggi su Calcionews24.com