News Milan: il punto sui rinnovi contrattuali

[fncvideo id=69957 autoplay=true] Marco Fassone, amministratore delegato del Milan, ha parlato al Corriere della Sera del suo primo anno in rossonero. Fassone, cosa significa lavorare per una proprietà straniera? «Inter, Milan e Roma stanno cambiando la nostra cultura. Hanno presidenti che si affacciano un paio di volte l’anno e danno ampia delega ai propri manager per la gestione del quotidiano, che non vuol dire non seguano la propria squadra. Solo, non sono alla ricerca della notorietà. In questo anno ho conosciuto meglio mr Li, ma non ho quella frequentazione che ho avuto con altri presidenti, come De Laurentiis o Moratti».

E che cosa ha capito di lui? «Che ama molto il Milan, lo segue da quando era ragazzo. L’ho incontrato anche 15 giorni fa a Londra e mi ha fatto un sacco di domande di calcio, voleva sapere tutto di Gattuso».

Per lei che anno è stato? «Dal punto di vista gestionale pensavo di avere più difficoltà. C’è qualche rimpianto per i risultati sportivi della prima parte di campionato, ma mi pare si siano trovate le correzioni. Siamo sulla rotta giusta. L’azienda cinese è partita, siamo gli unici che hanno una società e non un ufficio commerciale, il progetto dello stadio prende corpo, sia esso un nuovo impianto o un San Siro rivisitato; la parte commerciale ha portato sette sponsor nuovi, la tifoseria ci ha sostenuto dal primo minuto. Sono in linea con quello che prevedevo, forse un po’ meglio».

Si ributterebbe in questa avventura? «Sicuramente sì. È il Milan: ha davanti a sé un potenziale straordinario. Onestamente farei fatica a immaginare qualcosa di più entusiasmante. È stato un anno emozionante».

Una delle sue prime preoccupazioni, immaginiamo, è il rifinanziamento del debito contratto con il fondo Elliott: 303 milioni, 180 in capo a mr Li, 123 al Milan. A che punto siamo? «Intanto, sarà fatto. Sono in discussione le modalità. Ci sono tre opzioni sul tavolo, mr Li le sta valutando, ma abbiamo sei mesi prima della scadenza. Sulla carta questa dovrebbe essere una preoccupazione più del proprietario, che invece è sereno. Se avesse voluto avrebbe già aderito a una delle proposte sul tavolo. Certo se io avessi un rifinanziamento a cinque anni, dovrei fare meno salti mortali per ottemperare ai parametri per le licenze nazionali e internazionali, però ci convivo. L’auspicio sarebbe di togliere dal tavolo questo argomento con 2/3/4 mesi di anticipo».

Sta lavorando sempre con Merrill Lynch? «Sì, entro dieci giorni dovrebbe comporre una proposta. Poi mr Li ha altre strade davanti a lui».

Quanto la pratica del rifinanziamento ancora aperta può condizionare l’audizione che avrà venerdì all’Uefa per discutere le sanzioni del settlement agreement? «Credo conti di più la pianificazione dei prossimi tre anni, come il Milan intenda rientrare nei paletti del fair play finanziario. Inoltre il fondo Elliott ha anche messo per iscritto in un documento il suo impegno a far fronte a qualsiasi eventuale criticità ci dovesse essere nel rifinanziamento».

Ci delinea i rapporti con Elliott nella gestione del club? «Nel momento del finanziamento Elliott aveva negoziato alcune clausole di governance, per esempio aveva espresso il gradimento su un consigliere, Paolo Scaroni. Il finanziamento, poi, ha dei covenant che richiedono report bimestrali: servono a verificare che stiamo operando bene. I rapporti sono cordiali, hanno a cuore il club».

Che percentuale di probabilità c’è che Elliott diventi proprietario del Milan? «Mi sembrerebbe strano, al limite dell’impossibile. L’unico modo è che il presidente decida di non onorare più gli aumenti di capitale, ma dopo aver messo 740 milioni, più 171 di aumenti di capitale, mi sento di dire che è un’ipotesi molto remota».

Mr Li ha intenzione di cercare altri soci o disimpegnarsi? «Dovrebbe rispondere la proprietà, non sono nella testa di mr Li, è possibile che voglia farsi affiancare da qualche socio, ma non lo so. A me sembra desideroso di continuare a fare il presidente del Milan».

Il rinnovo di Gattuso dà continuità a tutto il progetto? «È una decisione che abbiamo preso perché Gattuso se lo merita e perché siamo convinti che sia l’uomo giusto. Tre anni sono un periodo lungo, che gli consente di aprire un ciclo. È un segnale di fiducia quasi incondizionata».

Che mercato dobbiamo aspettarci? «Nel 2017 c’è stata una rivoluzione, ora procederemo per correzioni progressive: 2-3 giocatori nei punti critici. Vedremo che competizione disputeremo, ma il saldo tra investimenti e uscite sarà molto più leggero dell’anno scorso».

Il Milan potrebbe anche non cedere nessuno? «Non ho l’obbligo di cedere qualcuno a livello finanziario. La ragionevolezza, però, dice che ci saranno entrate e uscite».

E Donnarumma? «C’è totale fiducia in lui, lo consideriamo un talento straordinario con margini di crescita. È un ragazzo del Milan, mi auguro sarà il portiere titolare per molti anni».

Nonostante Reina? «Non entro nelle questioni tecniche».

Qual è la cosa detta sul Milan che le ha dato più fastidio? «Quante volte abbiamo sentito che il Milan ha problemi? Non è vero. È una società che sta benissimo. Il proprietario ha indebitato se stesso e alleggerito il club. Nel momento in cui cominceremo a far crescere i nostri ricavi, e siamo vicini, il Milan avrà un grande potenziale».

Il futuro è roseo? «Dipende da noi. Non ci sono ostacoli che possano impedirci la crescita. Siamo un “sleeping giant”, dobbiamo risvegliarci: davanti le possibilità ci sono, dobbiamo essere bravi a coglierle».

Ma intanto il Milan decide di farne fuori 6: CONTINUA A LEGGERE Seguici anche su: Facebook / Instagram / Twitter  

The post Fassone: “Il rinnovo di Gattuso è un segnale di fiducia quasi incondizionata” appeared first on IlMilanista.it - News su Ac Milan e calciomercato in tempo reale.