Le parole di Fassone in apertura della conferenza stampa di presentazione di Gattuso come nuovo allenatore del Milan Marco Fassone, amministratore delegato del Milan, ha aperto la conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore rossonero, Gennaro Gattuso: «Stagione nata male, i numeri dicono tutto. Con molta amarezza ho passato una notte molto complicata tra domenica e lunedì, per il rapporto stretto di fiducia e condivisione del progetto insieme a Montella. Sembra passata un’era dall’entusiasmo di luglio-agosto al clima che c’è oggi. Non posso che dire grazie a Montella per quello che ha conquistato, un risultato importante come riconquistare l’Europa League e vincere la Supercoppa Italiana. Se ci sono stati degli errori li abbiamo fatti tutti. Non si vuole creare polemica nei suoi confronti, è un capitolo passato, speriamo che il nuovo sia migliore». Prosegue Fassone: «Mirabelli ha la mia fiducia, è stata la mia prima scelta da quando ho avuto l’incarico in rossonero, ha responsabilità ampissime nella gestione tecnica. Non abbiamo intenzione di andare sul mercato a gennaio, siamo convinti che questa squadra abbia opzioni importanti. Nella testa della proprietà sappiamo cosa c’è che non ha funzionato, siamo convinti che con il giusto tempo gli errori saranno risolti. La scelta di Gattuso non è fatta per tappare un buco o per ragioni economiche-finanziarie». Conclude: «E’ la scelta giusta da fare in questo momento, per lui parla la storia: conosce questo ambiente e questo spogliatoio meglio di chiunque altro, è già qui e ha dimostrato cosa vuol dire essere allenatore del Milan. Non è una scelta-paracadute, mi è piaciuto l’approccio che ha avuto: da un lato l’entusiasmo e la passione con la quale ha accettato questa responsabilità, dall’altra l’umiltà con cui si è posto con me e Mirabelli, ponendosi da grande campione come lo abbiamo amato in campo. A fine stagione faremo i conti e tireremo le somme. Ci sono 24 partite da qui fino alla fine del campionato, 72 punti a disposizione».
Leggi su Calcionews24.com