La serata di Vienna, con la vittoria per 5-1 nell’esordio nei gironi di Europa League, ha fornito interessanti spunti a Vincenzo Montella che ora accarezza l’idea di sfruttare al massimo l’alta qualità della sua rosa.

Secondo quanto riporta oggi La Gazzetta dello Sport, il tecnico rossonero sta ripensando all’esperimento di tenere in campo Calhanoglu, Suso e Bonaventura in una sorta di 4-2-3-1. L’esperimento è durato appena trenta minuti durante la gara di giovedì al Prater, ma non è detto che Montella possa presto riproporlo, con buona pace di Kalinic e Cutrone che aspetterebbero il turno in panchina. Contro l’Udinese sarà difficile, ma contro una piccola della Serie A si potrebbe rivedere l’assetto così concepito.

Non è comunque la prima volta che l’allenatore campano “osa” così con i suoi giocatori. Nel 2015, quando la Fiorentina arrivò in semifinale di Europa League, fece giocare insieme Mati Fernandez, Borja Valero e Pizarro, il meglio che aveva a disposizione per la mediana.