Queste le dichiarazioni rilasciate da Rino Gattuso a Milan TV: “Ci manca il colpo del KO. Prima dell’espulsione, eravamo padroni del campo, avevamo fatto le cose come dovevamo farle, con grande voglia e personalità. Il rammarico, è ovvio, rimane, così come la prestazione. Dopo l’1-1, abbiamo rialzato molto bene il baricentro, però, non siamo riusciti a fare male con le due o tre ripartenze che abbiamo avuto. Dobbiamo continuare su questa strada e non mollare di un centimetro. Suso? Quando si va ad analizzare le partite, bisogna vedere che caratteristiche ha e cosa sta facendo di diverso rispetto a queste. Come ho detto sabato in conferenza, Suso è un giocatore che sta abbinando qualità e quantità, perché tante volte si butta sulla linea dei centrocampisti per chiudere le linee di passaggio. Sta lavorando molto bene, uno così me lo tengo stretto. Lui sa che, da parte nostra, c’è grandissima fiducia e deve continuare con queste prestazioni. La SPAL? Non possiamo permetterci di sottovalutare nessuno. Mi arrabbio, quando sento che ci fanno i complimenti. Bisogna guardare solo la classifica. Per la maglia che si indossa e la qualità della squadra, noi dobbiamo guardare la classifica. Possiamo fare di più, dobbiamo mettere da parte i complimenti. Dobbiamo continuare a lavorare con veemenza, con voglia e senso di appartenenza”.