“Dobbiamo lavorare, lavorare e lavorare. Capire quello che si fa, più in fretta possibile e pensare partita dopo partita.