Dopo la vittoria contro il Verona, il tecnico del Milan, Rino Gattuso, si è così espresso ai microfoni di Sky e Premium: "Stasera ho visto una squadra molto più leggera e fresca, sia a livello mentale che fisico. Ora siamo più tranquilli. Nella mia gestione abbiamo perso punti importanti per strada, in partite con avversarie come quella di oggi per esempio abbiamo spesso fatto fatica. C'era la paura di fare una partita come con il Benevento. E oggi sul 3-0 abbiamo spento la luce, abbiamo giocatori giovani e dobbiamo migliorare sotto quest’aspetto. Sinceramente non pensavo all'inizio di arrivare a 60 punti, ma col senno di poi credo che ne avremmo potuti fare anche di più. La Coppa Italia? Chi non vorrebbe vincerla! Siamo consapevoli di dover fare una partita perfetta contro una big non solo italiana, ma europea. La Juve ha qualcosa in più di noi, ma in queste gare conta la mentalità. E io tante volte ho vinto da sfavorito, nelle finali non sempre vincono le più forti. Dobbiamo rispettare i nostri avversari e pensare a preparare bene la partita, poi vediamo come finisce. L'importante è essere arrivati a questo punto, ora vogliamo giocarcela. Calhanoglu? È un 10 atipico che sa fare entrambe le fasi. Abbina qualità e quantità, è un valore aggiunto per noi. E ha anche tanti margini di miglioramento sia caratteriali che fisici. Cutrone? Quando non segnava, l'ho tirato su col lavoro. Si era fermato, pensando ai gol sbagliati e alle panchine, ma deve invece capire che il lavoro gli porta dei frutti. Le condizioni di Suso? Vediamo domani, ha preso una ginocchiata ma penso che potrà recuperare”.   Foto: sito ufficiale Milan

L'articolo Gattuso: “Coppa Italia? Nelle finali non sempre vincono le più forti. E io spesso da sfavorito…” sembra essere il primo su Alfredo Pedullà.