Con l’arrivo di Gattuso il Milan ha raggiunto una sua precisa identità. Dal punto di vista tattico, il modulo prescelto è il 4-3-3 e, molto probabilmente, con questo si andrà avanti sino alla chiusura della stagione. Come evidenzia l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, Rino ha inoltre individuato un gruppo ben definito di giocatori su cui ricostruire la squadra. Soluzione che hanno dato continuità al Diavolo rispetto ai molteplici cambi negli interpreti e nel sistema di gioco della gestione Montella.

Sono otto i fedelissimi di mister Gattuso, Donnarumma, Romagnoli, Kessie, Biglia, Bonaventura, Suso, Calhanoglu e Bonucci che, sino ad oggi, non ha ancora saltato un minuto con Rino in panchina. Le posizioni ancora prive di un vero e proprio titolare sono le due fasce e l’attaccante centrale. Rodriguez, Abate e Calabria hanno avuto i loro spazi alternando prestazioni di livello ad altre meno convincenti. In avanti è scontro tra Cutrone e Kalinic, con André Silva che non sembra rientrare nei piani di Gattuso.

Naturalmente, ciò non significa che chi resta fuori lo sarà per sempre. Nel prossimo mese, contando anche l’eventuale ottavo di Europa League, il Diavolo è infatti atteso da dieci partite e, come ripete spesso anche lo stesso Gattuso, c’è bisogno di tutti se si vorrà arrivare in fondo in Europa e in Coppa Italia e recuperare punti in campionato.