Gattuso: Mi rivedo in conte

[fncvideo id=164467 autoplay=true] MILANO - Gennaro Gattuso è intervenuto in conferenza stampa dopo la vittoria per 4-0 ai danni della Spal: "E' stata una partita con un risultato bugiardo. Ho dovuto mettere Calhanoglu a uomo su Lazzari nel primo tempo, perché in fase di non possesso ci metteva in difficoltà. Siamo stati fortunati sulla punizione di Viviani. Siamo stati molto bravi sui cross, ma è stata una partita molto difficile. Conoscono molto bene Semplici, son sempre partite difficili contro le sue squadre. Son contento della prestazione, perché oggi non era scontato vincere ". "Cutrone? Durante la settimana si preparano le vittorie ed è quello che conta. Ha fatto 12 gol. Per l’età che ha la dote di farsi trovare al posto giusto. Mi aspetto che possa migliorare in appoggio e giocare con più tranquillità. Mi aspetto che lui migliori nel far rifiatare la squadra". "Condizione fisica? E' una squadra migliorata atleticamente e mentalmente. Penso che questa era una squadra che giocava per l’80% solo a destra. Oggi siamo una squadra che riesce a giocare bene su entrambe le catene di gioco". "Champions? Non deve essere la classifica la nostra convinzione e la nostra forza. Dobbiamo pensare partita dopo partita. Senza voglia e senso di appartenenza non sarebbero arrivati i risultati che stanno arrivando ultimamente. Quando sono arrivato non bastava, spero che continuino così". "Biglia in crescita? Quando arrivano i risultati penso che sia più facile giocare a calcio. Senza risultati la palla pesa 120 chili. I risultati fanno lavorare meglio. Biglia ci sta dando lavoro tattico, ma copre anche bene il campo e le linee avversarie. Biglia non è mai stato Pirlo come caratteristiche, è uno che dà equilibrio". "Kessie? Uno tra Montolivo, Locatelli e Calhanoglu sarà utilizzato come mezzala con l’assenza di Kessie. Però pensiamo alla partita di giovedì. Il Ludogorets non ha un grande nome, ma è da 4 anni che è stabilmente a livello europeo. Bisogna prepararla bene, ma hanno più esperienza europea i loro calciatori rispetto ai nostri. Sarà una partita molto pericolosa". "Crescita della squadra? Questa squadra è cambiata nell’occupare degli spazi. Sappiamo giocare sia con la catena di destra che di sinistra. Spero di essere usciti dalla crisi, ma so che giocheremo ogni 3 giorni per tante partite. Ci sarà da soffrire e non dimenticarci da dove veniamo e tutto quello che abbiamo passato".

The post Gattuso in conferenza: “Spero che la crisi sia finita. Champions? Pensiamo al Ludogorets” appeared first on Il Milanista.