Il tecnico: «Dobbiamo essere brutti come me e la mia barba. Restiamo con i piedi per terra»