Gennaro Gattuso, tecnico del Milan, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dell'incontro con il Napoli di Maurizio Sarri. Queste le sue dichiarazioni riportate dal sito ufficiale del club rossonero: "Servirà una grandissima partita. Non basterà solo lo spirito, ci vorranno coraggio, determinazione e organizzazione. Quando affronti colleghi come Sarri, Allegri, Di Francesco, puoi solo guardare e imparare. Noi sappiamo il tipo di gioco del Napoli, sono bravi nel muovere la palla, la loro linea difensiva è uno spettacolo: dovremo essere bravi in tutto per portare a casa il risultato. Dopo due giorni di riposo ho ritrovato i ragazzi con facce arrabbiate. Col Sassuolo abbiamo fatto una buona gara, ma serve migliorare. La squadra è in salute: non siamo stanchi. Stiamo pagando la flessione di qualche singolo, ma nel complesso stiamo bene. Creiamo gioco e occasioni, senza subire gli avversari. Serve continuare su questa strada. Formazione? Nell'ultimo periodo hanno giocato spesso gli stessi, questo perché mi piace consolidare quello che di buono viene fatto. Quando qualcosa funziona, non vedo il motivo per cambiare. Non ho in previsione troppe novità per la partita di domani, visto anche la contemporanea assenza di Bonucci e Romagnoli. Le assenze? Ho molta fiducia in Zapata e Musacchio. Cristian farà il mondiale con la Colombia, Mateo si è sempre allenato bene. Sono tranquillo. Donnarumma? Sono orgoglioso di lui. Arrivare a giocare 100 partite in Serie A, alla sua età, è qualcosa di incredibile. Ora però arriva il bello, perché ha l'obbligo di diventare il più forte al mondo. È un bravo ragazzo, si fa voler bene, però deve alzare l'asticella. Var? Non capisco come in Europa non ci sia. Mi chiedo sempre il senso di avere i giudici di linea quando, gli stessi, potrebbe essere messi davanti ad uno schermo per dare una mano all'arbitro. Invece tutto questo non avviene". Foto: Milan Twitter

L'articolo Gattuso: “Napoli? Servono coraggio e organizzazione, da Sarri puoi solo imparare. Mi fido di Zapata e Musacchio, su Donnarumma…” sembra essere il primo su Alfredo Pedullà.