Secondo test impegnativo della stagione e nuova figuraccia del Milan, che si scioglie come già avvenuto a Roma con la Lazio. Sonora e meritata la bocciatura che l’odierna edizione della Gazzetta dello Sport riserva a Montella e i suoi, rei di aver perso malamente l’incontro di Genova, senza mai una reazione d’orgoglio nell’arco dei 90′.

Tra i peggiori (4 in pagella per loro), oltre all’allenatore campano, che ha presentato ieri un Milan raffazzonato, senza idee né spirito, anche Zapata, autore di due errori mortiferi in occasione dei goal della Samp, e Kessié, brutta controfigura di quello apprezzato all’Atalanta in balia di Praet. Non granché meglio le prestazioni di Bonaventura, Suso e Abate, cui la rosea assegna un 4,5, che hanno circolato nel campo senza mai entrare veramente in partita. Di routine ormai il 5 in pagella per Bonucci, che abusa del lancio lungo per tutto l’incontro, rimanendo fermo al palo in occasione di entrambe le marcature blucerchiate. Strappano un 5,5 stiracchiato, invece, Biglia, Romagnoli e Kalinic (tra i meno peggio della squadra), che si impegnano per cercare di combinare qualcosa di buono, pagando però la prestazione fortemente negativa dei compagni. Gli unici a salvarsi nel disastroso pomeriggio del Marassi sono Donnarumma, incolpevole sui goal blucerchiati, e Rodriguez, che è l solo a svolgere bene il compito assegnatogli: per entrambi sufficienza piena (6).