Il Ds del Milan Massimiliano Mirabelli, premiato in occasione dell’evento “Amico dei Bambini…Un esempio per loro“, organizzato dall’US Aldini Bariviera, ha parlato ai giornalisti presenti del momento rossonero, in particolare di Rino Gattuso.

Gattuso lavora tantissimo e mi piace tutto di lui, sa entrare nel cuore e nella testa dei giocatori come solo i grandi allenatori sanno fare. Non lavoriamo per cambiarlo, anzi mi auguro che possa rimanere al Milan per dieci anni“, scrive La Gazzetta dello Sport. “Quando abbiamo esonerato Montella, la proprietà ci ha detto di scegliere il miglior allenatore su piazza e noi abbiamo puntato su di lui. Per noi non è una scommessa“. Ancora Mirabelli loda il suo tecnico: “Non è solo forza e determinazione, lui e tutto il suo staff sono preparatissimi. Di Gattuso, grande uomo e grande allenatore sentiremo parlare tantissimo. Stiamo diventando una squadra e diamo l’idea di potercela giocare contro chiunque. Con Rino abbiamo cambiato metodologia, le brutte figure erano preventivate, ma era un lavoro da fare; stiamo venendo fuori ora, prima avevamo le gambe pesanti“.

Il direttore sportivo calabrese ha poi parlato della rosa rossonera: “E’ una squadra con molti italiani e con un’età media tra le più basse. Abbiamo costruito una base solida per un futuro importante, non si arriva a vincere gli scudetti dopo un solo mercato. Siamo un pò indietro ma possiamo recuperare“. Il pensiero di Mirabelli si posa anche su Andrè Silva: “E’ quello più in ritardo ma siamo sicuri di avere tra le mani uno tra gli attaccanti più forti del mondo“. Il dirigente del Milan ha poi confermato la trattativa che porta a Ivan Strinic: “Si, lo stiamo valutando“.