Come sottolinea l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, Montella resterà sotto contratto con il Milan almeno fino a giugno 2018. I regolamenti federali infatti impongono che un tecnico di Serie A seppur esonerato non può allenare nella stessa stagione un’altra compagine, al massimo dovrebbe cambiare lega e virare per l’estero.

Ma al momento Montella resterà legato all’accordo con il club di via Aldo Rossi fino all’estate, quando dovrebbe scattare la rescissione: il Milan potrebbe far valere una clausola per l’eventuale mancato accesso alla Champions League, che ad oggi pare un traguardo difficilissimo e per 1 milione di euro strapparebbe il contratto con Montella con un anno di anticipo, provvedendo così anche ad alleggerire il monte ingaggi dello staff e agevolando la ricerca di un nuovo condottiero.