Intervistato da Il Secolo XIX, il mister della Sampdoria (prossimo avversario del Milan in campionato) Marco Giampaolo ha parlato così del match: “La gara contro il Milan sarà la più importante della carriera? La più bella. La più affascinante, la più motivante. Mi piace pensarla, domenica sera a San Siro. E giocarla. Ci sono partite in cui sono stra-sereno, spero anche domenica, e altre in cui mi scappa qualcosa”. E poi: “Se questa Sampdoria è migliorabile? In tante cose, soprattutto nei particolari. La squadra il ritornello lo sa, anche se non li allenassi più su quei principi, da qui alla fine va da sola. È migliorabile soprattutto nei particolari. Il sogno? Arrivare sesti sarebbe qualcosa di oltre. Già settimi significherebbe vincere il nostro scudetto. Però, un altr’anno? Tra due? Posso arrivare quinto, quarto, terzo? Stando cosi le cose, ragionando in base ai fatturati, no. Se dopo questo campionato vendo di nuovo 2 o 3 giocatori, come l’anno scorso, posso arrivare settimo solo con dei grandissimi colpi di fortuna. La domanda allora è, per cullare anche il sogno, cosa posso fare?”.