Inizio questo editoriale da dove avevo concluso quello della scorsa settimana, cioè parlando di mercato, però con una sostanziale variazione sul tema.