Ruud Gullit getty

[fncvideo id=88663 autoplay=true] MILANO - Ruud Gullit, dopo aver incantato per 6 anni con la maglia del Milan, ha chiuso la carriera al Chelsea. L'olandese, in un'intervista rilasciata a 'The Sun', ha parlato proprio del suo ultimo club e della situazione di Antonio Conte: "Nessuno all'interno del club smentisce mai le troppe voci che si sentono. Se fossi in Conte mi starei già guardando intorno. Se i problemi con l'allenatore non vengono chiariti dalla dirigenza i giocatori pensano di poter dire e fare ciò che vogliono. Specialmente quelli che giocano meno cominciano a pensare di aspettare il prossimo allenatore. Se qualcuno più in alto dicesse di voler proseguire con Conte non ci sarebbero problemi, ma così l'autorità dell'allenatore sparisce". Il futuro di Antonio Conte appare sempre più imprevedibile, ma il Chelsea sembrerebbe allontanarsi. Si è parlato di un'ipotesi Milan o di un ritorno in Nazionale. A questo punto della stagione il club di via Aldo Rossi potrebbe tendere più verso un rinnovo della fiducia in Gattuso, ma non è un segreto che il profilo di Conte sia sempre interessato al Milan. Ti possono interessare anche: Cutrone come Bierhoff e più di Van Basten e Inzaghi Puma-Milan: accordo intorno ai 15 milioni all’anno per 5 stagioni Tuttosport – Sfuma Max Meyer Corriere dello Sport – Il doppio Milan di Gattuso Seguici anche su: Facebook / Instagram Twitter

The post Gullit: “Se fossi Conte mi guarderei intorno” appeared first on Il Milanista.