Il bicchiere mezzo pieno di Torino dà la giusta carica al Milan di Rino Gattuso, pronto a conquistare il derby di ritorno dopo la beffa dell’andata. Quest’oggi alle 18.30 andrà in scena la stracittadina milanese numero 221, più decisiva che mai in chiave Champions League. I rossoneri, usciti sconfitti per metà dalla sfida dell’Allianz Stadium contro la Juventus, sono ancora leggermente distanti dal quarto posto, presieduto proprio dai cugini nerazzurri.

Un match dal risultato incerto, ricco di equilibrio e qualità sia da una parte che dall’altra. Il Diavolo arriva con tutto quanto di buono fatto nell’ultimo turno, l’Inter risponde con il secondo successo consecutivo conquistato contro il Verona. Il Milan necessita di un salto di qualità, quello definitivo per raggiungere finalmente la zona che conta. L’attenzione che adesso va categoricamente focalizzata sull’emotività, sugli stati d’animo e la psicologia di ogni singolo elemento dello scacchiere di Ringhio. Sbavature, disattenzioni futili e piccoli cali di tensioni hanno condizionato drasticamente la partita persa con la Juve, abile a vincere prima mentalmente e poi praticamente.

Forte di una sconfitta, il Milan adesso è al giro di boa finale, pronto a rivendicare anche l’Icardi Show dell’andata, in parte andato in scena anche grazie alle disattenzioni rossonere. E se da un lato la difesa deve compiere il proprio dovere mantenendo la concentrazione al massimo, l’attacco ha il compito di regalare le emozioni più forti. Kalinic, dopo l’ennesima prestazione sottotono, va verso la bocciatura definitiva, mentre Andrè Silva e soprattutto Cutrone, scalpitano dalla panchina. Servono assolutamente i tre punti, quelli che potrebbero portare il Diavolo a -4 dal quarto posto, quelli che devono premiare un gruppo ormai forgiato, pronto per il miglior palcoscenico d’Europa e non solo…