Come riporta l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport l’affare era stato una delle telenovele estive. Un corteggiamento ininterrotto la cui richiesta della società viola di 30 milioni era ritenuta eccessiva dal Milan. L’accordo era poi stato  trovato a 25, 5 subito e 20 per il riscatto, fissato al conseguimento del primo punto in campionato nel 2018. Pura formalità. La cifra da versare nelle casse della Fiorentina sarà spalmata su tre anni, mentre il contratto del croato scadrà nel 2021.

Kalinic voleva fortemente il Milan. In estate ha rifiutato proposte economicamente importanti provenienti dall’estero per realizzare il suo sogno di indossare la maglia rossonera. Ha ritrovato nella prima parte di stagione il suo ex allenatore Vincenzo Montella. Nikola, nonostante un rendimento al di sotto delle aspettative, ha sentito costantemente l’appoggio e la fiducia dei suoi tecnici, dall’aeroplanino a Rino Gattuso.

Ora il croato è alle prese con qualche problema fisico, si tratterebbe di pubalgia in forma leggera. La situazione è costantemente monitorata e Kalinic, con ogni probabilità, non sarà impegnato né giovedì in Europa League né domenica in campionato. Il calendario per il Milan è ricco di impegni per cui Gattuso vuole preservarlo con la speranza che le condizioni del croato migliorino giorno dopo giorno.