In Italia, si sa, le valutazioni sono spesso frettolose, impazienti ed ingenerose. E' innegabile che, nei primi mesi in rossonero, Hakan Calhanoglu abbia fatto fatica, inanellando prestazioni incolori intervallate da pochi guizzi.