FERRARA, ITALY - FEBRUARY 10:  Lucas Biglia of AC Milan celebrates after scoring his team's third goal  during the serie A match between Spal and AC Milan at Stadio Paolo Mazza on February 10, 2018 in Ferrara, Italy.  (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

[fncvideo id=158351 autoplay=true] MILANO - Lucas Biglia è arrivato a Milano con grandi aspettative. Il Milan lo ha presentato, assieme a Bonucci, come acquisto di punta del nuovo corso rossonero, peccato che poi in campo non fosse riuscito a dimostrare il suo valore. In 6 mesi l'argentino è stato solo una tenue ombra di quello visto con la maglia biancoceleste della Lazio, ma finalmente sta tornando poco a poco quello di una volta. L'infortunio - Sicuramente non ha aiutato il doppio infortunio di inizio stagione che gli ha impedito di trovare la condizione ideale. Con Montella poi non ha avuto modo di trovare continuità. Con Gattuso le cose sono cambiate e partita dopo partita, a partire dal derby di Coppa Italia, Lucas ha iniziato un percorso di crescita culminato oggi con la rete del momentaneo 3-0 contro la Spal. Non sono Pirlo - Biglia ci ha tenuto a sottolinearlo nel post partita: "Non sono Pirlo". Questo il problema in casa Milan dall'addio del regista. Nessuno è Pirlo. Non lo è Biglia, non lo è Montolivo così come Locatelli. E' sbagliato quindi aspettarsi che i giocatori arrivati dopo siano registi o che abbiano la sua classe. Ognuno da il suo valore aggiunto a seconda delle proprie caratteristiche. L'argentino sottolineandolo, ha voluto portare anche un cambio di mentalità. Pirlo non c'è più, ora, con l'impegno e la fatica, deve diventare il momento di Biglia. Ti possono interessare anche: Gattuso: "Risultato Bugiardo! Cutrone non paragonatelo a Inzaghi" Biglia: "Non sono Pirlo! Non paragonateci" Il calciatore più ricco del mondo? E' Flamini Pensare partita dopo partita, il nuovo dogma di Gattuso Seguici anche su: Facebook / Instagram Twitter

The post La rinascita di Biglia, ma non chiamatelo regista appeared first on Il Milanista.