Claudio Ranieri adesso si trova al Nantes in Francia ma non dimentica l'Italia e le sue esperienze passate: le ultime e le dichiarazioni del tecnico Adesso si trova al Nantes in Francia, ma Claudio Ranieri ha sempre l'Italia al centro dei suoi pensieri. Il tecnico ha dichiarato: «Non ho deciso di vivere all'estero. Mi piace mettermi alla prova e ripartire da zero sempre con nuove avventure, finché ho voglia di misurarmi allora ci provo». Ranieri ha analizzato anche il tema degli allenatore italiani: «Montella? Vorremmo tutto subito, lui sta facendo un buon lavoro e ha un parco giocatori notevole, ma diamogli il tempo per plasmare la squadra come gioco e come personalità. Sono tutti processi di crescita e lui saprà porre rimedio. Chiudere prima il mercato? Sono d'accordo anche sul fermarlo prima del ritiro. Favorita per lo Scudetto? Penso che il campionato si stia equilibrando, la Juventus vorrà vincere ancora ma le altre si avvicinano». Ranieri, il Leicester e il Nantes Ranieri è tornato anche sulla sua esperienza al Leicester e sulla possibile avventura con l'Italia: «La prima partita della stagione può andare male, sono sicuro che possa riprendersi. Ogni allenatore ha le sue idee, ogni squadra ha il suo equilibrio, quindi fa bene Ventura a continuare il suo percorso sperando che i giocatori capiscano il modulo. Leicester? Successe un fatto isolato, bisogna saper sognare. L'esonero? Sono sempre positivo, certe cose possono accadere. Mi avessero detto due anni fa che sarei andato al Leicester, avrei vinto la Premier League e sarei stato esonerato ci avrei fatto la firma». Alla fine dell'intervista del tecnico romano a Rai Sport una chiosa sull'esperienza francese al Nantes: «Ci vogliamo salvare e speriamo di salvarci. Abbiamo un po' il problema del gol, siamo in acque tranquille ma dobbiamo rimanere vigili e attenti. Il campionato francese era stimolante, sono voluto tornare qui».
Leggi su Calcionews24.com