Roberto Maroni - tra il serio e il faceto - un accordo sottobanco con Silvio Berlusconi per un futuro ruolo da Presidente del Consiglio ma ne svela un altro Il legame tra calcio e politica è in Italia sempre fortissimo. Lo sanno bene Silvio Berlusconi e Roberto Maroni, da sempre attenti alle vicende del «loro» Milan. Proprio il leghista, dopo la rinuncia alla candidatura per il governo della Lombardia, è stato in queste ore il protagonista di molti retroscena cui sarebbe proprio lui il maggiore indiziato a mettere d'accordo Salvini e Berlusconi per il ruolo di premier in caso di vittoria del centrodestra alle elezioni. Al termine dell'incontro al ministero degli Affari regionali di oggi, tra il serio e il faceto, Maroni ha negato questa possibilità svelando però un altro patto. Queste le sue parole all'Ansa: «Ho sentito di questo accordo segreto che ci sarebbe tra me e Berlusconi. Lo confermo, non per fare il presidente del consiglio, ma per fare il presidente del Milan se se lo ricompra». Sarà pure una battuta, ma vuol dire che l'ipotesi di un Berlusconi-bis al Milan non è poi così campata per aria, al netto delle smentite di rito.
Leggi su Calcionews24.com