Difesa Milan, si cambia: niente più 4-3-3, bensì 3-5-2 o 3-4-1-2. Retroguardia a tre dunque, per la gioia di un Bonucci mai così criticato in carriera: le ultime sul modulo di Montella Difesa Milan a tre, Leonardo Bonucci non può che sorridere. Il difensore rossonero è stato molto criticato dopo l'ultima sconfitta contro la Lazio, anche se in realtà si tratta di uno dei pochi scivoloni del giocatore negli ultimi anni. Si trova meglio con la retroguardia a tre e Vincenzo Montella lo "accontenta", dato che il 3-4-1-2 (o 3-5-2) pare il modulo migliore per i giocatori che l'allenatore ha in rosa. Si cambia in vista della trasferta di Europa League con l'Austria Vienna, ma la modifica potrebbe interessare anche i match a venire, a partire dalla partita di Serie A contro l'Udinese di domenica pomeriggio. Con la difesa a tre Bonucci fa meglio, lo dicono i numeri riportati oggi da La Gazzetta dello Sport. Dall'inizio del 2016-17 a oggi l'ex barese ha giocato cinquanta partite tra Milan e Juventus, di queste trentuno con la difesa a quattro e diciannove in un tridente difensivo. Il rapporto tra match giocati e gol subiti è migliore con lo schieramento a tre: in trentuno gare a quattro sono stati ventotto i gol subiti; dodici nelle diciannove partite restanti.
Leggi su Calcionews24.com