Il Milan avrà un incontro decisivo con la UEFA per il Fair Play Finanziario. Ecco il piano dei rossoneri per convincere i vertici di Nyon

Versata la prima rata da 11 milioni di euro circa dell’aumento di capitale da 37,4 milioni di euro, Yonghong Li pensa al futuro insieme al Milan. Il club rossonero, a metà aprile, è atteso da un incontro fondamentale per il proprio futuro: a Nyon ci sarà un summit con la UEFA per parlare del Fair Play Finanziario. Dopo la chiusura della UEFA al Voluntary Agreement, i rossoneri dovranno sottoscrivere l’accordo per il Settlement Agreement, un piano con maggiori restrizioni, quello, per intenderci, sottoscritto anche da Roma e Inter.

I rossoneri, grazie a nuovi ricavi, proveranno a superare a pieni voti l’esame di Nyon. Secondo La Gazzetta dello Sport ci sono alcuni aspetti che inducono a pensare positivo come i buoni dati della semestrale o il fatto che Elliott si sia fatto, nell’eventualità, garante della continuità aziendale. Tra le buone nuove ci sono anche quelle riguardanti l’aumento dei ricavi da stadio, dai diritti tv e la finale di Coppa Italia. Il Milan spera che possa bastare. Intanto calla Cina filtrano un paio di indiscrezioni sul futuro dei rossoneri: Yonghong Li avrebbe chiuso a nuovi fondi arabi e russi e ha aperto al nuovo progetto del Milan di Gattuso.


Leggi su Calcionews24.com