E adesso avanti così, a testa bassa, in discesa e senza a mani. Dovrà essere questo, da qui a fine stagione, il tracciato del Milan.