Nonostante le diverse difficoltà societarie che investono il club in questo periodo, il Milan non vuole rinunciare al mercato e prova a stilare un progetto per costruire una squadra competitiva. Naturalmente, l’esclusione sancita dall’UEFA dalla prossima Europa league costituisce un danno economico e d’immagine, che potrebbe ridimensionare gli obiettivi di mercato. Inoltre, secondo quanto filtra, Yonghong Li non verserà tanti milioni per la campagna acquisti. Discorso diverso nel caso in cui dovesse concretizzarsi la cessione del club in questi giorni.

Dopo aver piazzato il colpo Halilovic, il ds rossonero Massimiliano Mirabelli non intende fermarsi e vorebbe soddisfare le richieste di mister Gattuso: un centrocampista interno e un attaccante che permetta alla squadra un salto di qualità. I nomi, come riportato dall’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, sono sempre quelli: Morata, Falcao, Werner, Immobile e Zaza. Bisognerà trattare con le rispettive società e provare a trovare un accordo economico per portare a Milano big del calcio nazionale o europeo.

Tutto ciò sarà possibile solo nel caso in cui partissero alcuni ‘gioielli’ presenti in rosa. Tra questi Donnarumma, su cui è forte l’interesse del Chelsea, Bonucci la cui valutazione si aggira sui 40 milioni, Suso la cui clausola rescissoria è pari a 38 milioni. Senza dimenticare il partente Carlos Bacca, dovrà lasciare il Milan uno tra Kalinic e André Silva. La società sembrerebbe intenzionata a cedere il croato ma, la cacciata dal Mondiale e l’ultima stagione, hanno ridotto il suo valore di mercato. Al momento l’interesse per Nikola arriva dalla Spagna, Siviglia e Atletico Madrid sarebbero pronte all’assalto sulla base di 25/30 milioni di euro.