Anche il ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, tra i personaggi del mondo del calcio che hanno ottenuto un riconoscimento al Premio “Amici dei bambini”. Queste le sue dichiarazioni più significative rese ai microfoni di Rmc Sport: “Non è ancora il tempo dei rimpianti. Abbiamo perso un po’ di tempo, ma si può fare ancora tanta strada in tre competizioni. Ai rimpianti ci pensiamo poi. Cosa mi piace del lavoro di Gattuso? Tutto e tanto. Lavora tantissimo, ha le capacità di un grande allenatore. Meglio di Rino nessuno poteva fare questo lavoro, ha ricompattato l'ambiente in modo straordinario. Se può rimanere? Io mi auguro che possa restare dieci anni. Non lavoriamo pensando di cambiare Gattuso. Noi la decisione l'abbiamo presa quando gli abbiamo affidato la panchina del Milan. Per voi forse era una scommessa, a noi la proprietà ha detto di scegliere il miglior allenatore possibile per sostituire Montella, abbiamo scelto Gattuso perché pensiamo che possa rimanere a lungo. Deluso da Kalinic e André Silva? È vero che abbiamo fatto pochi gol, ma la squadra occupa bene l'area, tiriamo tanto. Silva non sta dando quello che tutti ci aspettavamo, noi siamo certi di avere un grande attaccante tra le mani. Kalinic si sta riprendendo bene, Cutrone è una bellissima scoperta che ci teniamo stretta, senza dargli troppe responsabilità. Strinic rinforzo per l’estate? Noi siamo attenti a fare il nostro lavoro cercando di guardare tutti i prospetti, sia sotto contratto che no. Strinic è un parametro zero, li stiamo valutando, ancora non abbiamo preso nessuno ed è presto per parlare di cosa succederà. In generale oggi abbiamo un'età media molto bassa, con tanti italiani in campo. Di questo siamo soddisfatti, anche se vogliamo crescere. Vogliamo riconquistare l'entusiasmo di inizio stagione". Va soltanto aggiunto in merito a Strinic, scenario da noi anticipatovi (cifre comprese), che a questo punto della stagione il ds rossonero non avrebbe potuto rilasciare dichiarazioni diverse Foto: sito ufficiale Milan

L'articolo Mirabelli: “Gattuso per noi non era una scommessa, mi auguro che possa restare 10 anni. Su Strinic…” sembra essere il primo su Alfredo Pedullà.