​"Ero tranquillo e non sospettavo niente, giuro. Niente, ero pronto per l'allenamento a Milanello, come sempre, un giorno come tutti gli altri. Mi ha accolto Mangiarano, il nostro segretario generale, che mi ha accompagnato dal direttore. Lì Mirabelli mi ha detto che nella notte avevano maturato la decisione. Il fuso orario ha fatto il resto. Credo sia una scelta più della proprietà che dei dirigenti". Vincenzo Montella esterna così la sua amarezza per l'esonero dal Milan, arrivato...